most_played2

#TeamMostPlayed | ottobre – novembre 2014

dicembre 3, 2014 by makemeup - 6 Commenti

Bonjour les filles.

Che facciamo oggi di bello miei biscottini allo zenzero? Nomignoli idioti a parte che, sappiatelo, vi perseguiteranno per tutto il periodo natalizio-festivo, proclamiamo al mondo che, con sommo gaudio, è tornato il tempo di aggregarsi alla folla urlante che inneggia a Chiara – GoldenViolet e al suo #teammostplayed.

Ottobre e novembre mi vedono solitamente impegnata a combattere contro la pelle secca. A livello di idratazione di solito non ho grandi problemi per quanto riguarda la pelle del corpo ma tutti i santi anni, all’inizio dell’autunno, è come se entrasse in una sorta di sciopero e smettesse di collaborare. Di conseguenza mi son messa di buona lena per cercare di riportare la situazione alla normalità. Il peeling al Sale Marino & Rosmarino di Tiroler Krauterhof Naturkosmetik ha fatto proprio al caso mio, rimuovendo le cellule morte e lasciando però la pelle morbida e idratata grazie agli oli essenziali. Ha un odore piuttosto forte di rosmarino e erbe officinali varie, molto erbaceo e abbastanza balsamico che personalmente mi piace ma che penso possa non andare a genio a tutti. Per idratare ulteriormente la pelle e darle una botta di vita ho usato sempre questo ipergalattico burro corpo di The Body Shop alla Peche de Vigne. È stato il primo prodotto di The Body Shop che abbia mai provato e me ne sono innamorata: nutre a fondo la pelle e profuma da morire (un sacco di mie amiche mi han chiesto cosa fosse a profumare così tanto).
Sempre della serie “siamo secchi” ho dato fondo alla crema nutritiva per i piedi alla lavanda di Yves Rocher (non male dai, anche se si potrebbe fare di meglio) e alla crema mani all’arancia e olivello spinoso di Lavera che però mi fa abbastanza schifo perché idrata come i cavoli a merenda; non vedo l’ora che finisca per poter passare a qualcosa di davvero nutriente prima che le mani mi si polverizzino.
Restando in zona mani ho usato tantissimo (ho anche pesato di rovesciarlo per strada pur di farlo finire) il solvente per unghie SimplySma: schifo-schifo-schifo, posso lasciarci ammollo le unghie per una settimana che tanto lo smalto rimane al suo posto.
Sto cercando di usare in tutti i modi il fondotinta correttivo Toleraine Teint di La Roche-Posay, brand col quale di solito vado a nozze, ma non c’è verso di farmelo piacere. Come fondotinta è sì coprente ma troppo pastoso e evidenzia tutte le pellicine/pori dilatati in circolazione. Va un po’ meglio usandolo come correttore ma bisogna usarne proprio una micro puntina (e così facendo mi durerà 9 vite).
La cipria Stay Matte di Rimmel è stata la mia fedele compagna per opacizzare il mio faccione senza seccare la pelle. Amo questa cipria, è una delle mie preferite e, stesa col morbidissimo pennello Lilac Powder di Neve Cosmetics, ha un effetto meraviglioso.
Sempre in tema “ti uso così magari ti estingui” vi presento l’Acqua di lavanda di Kart. La uso come tonico, per rinfrescare il viso, per lenire i rossori o come passaggio finale quando mi strucco e funziona in modo egregio ma puzza da morire (dico solo che mia sorella la chiama “l’acqua marcia”). È un peccato perchè per il resto mi piace un sacco.
Poi ci sono due prodotti che con il beauty e il makeup non ci azzeccano nulla ma che oggettivamente sono i più usati in assoluto: le pastiglie alla menta piperita di Barkleys, indispensabili quando ho la tosse e devo passare la giornata a spiegare cose random in classe e il sedo calcio che in realtà sarà mio amico fino al disgelo (farò suffumigi fino a marzo temo).

Bien…ci si vede alla prossima.